RAVIOLI DI CARNE AL VAPORE

domenica 4 maggio 2008

E' un sacco di tempo che non vado al ristorante cinese e in fondo in fondo quei sapori un po' mi mancano: tuttavia preferisco preparare per conto mio perché così so cosa uso e soprattutto metto olio con più moderazione!

Questa volta ho voluto preparare il mio antipasto preferito, ossia i ravioli al vapore. E' da molto tempo che cercavo una ricetta affidabile e mi sono imbattuta in quella dei wonton di La Mucca Pazza. Avendo i suoi un bellissimo aspetto ho voluto provarli, apportando però qualche modifica, come ad esempio l'aggiunta di zenzero che è l'aroma che nei ravioli al ristorante adoravo!

In realtà non so se ho preparato wonton o ravioli o nessuno dei due (non sono un'esperta in materia) però devo dire che erano davvero uguali come sapore a quelli che mangiavo al ristorante.
Questo è il mio primo esperimento: ecco come si presentavano un attimo prima di tuffarli nella salsa di soya! Slurp : P


Ingredienti per la sfoglia: 

175 g di farina 
1 pizzico di sale 
3 cucchiai d'olio di mais 
6 cucchiai di acqua bollente

Ingredienti per il ripieno: 

350 g di carne di maiale macinata 
1 porro (ho usato una piccola cipolla per motivi di allergia di qualcuno in casa!) 
1/2 radice di zenzero fresco
50 g di bambù in scatola sgocciolati
1 cucchiaino di sakè

1 cucchiaino di salsa di soya
2 cucchiaini di olio di sesamo

2 cucchiaini di zucchero

1 albume leggermente sbattuto

4-5 cucchiai di maizena

Preparare per prima cosa la sfoglia perché deve riposare almeno mezz'ora: porre la farina a fontana e al centro il sale, l'olio e 2 cucchiai di acqua. Cominciare a mescolare incorporando la farina e aggiungere via via il resto dell'acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio. Avvolgere la pasta nella pellicola e lasciare riposare.


Preparare poi il ripieno: tritare il porro (cipolla), lo zenzero e il bambù e metterli in un contenitore in cui si aggiungono la carne macinata, il sakè, la salsa di soya, l'olio, lo zucchero, l'albume e la maizena. Amalgamare bene il tutto.


Terminato il tempo di riposo della pasta, dividerla in tante palline per ottenere altrettante piccole sfoglie: si possono ricavare dei quadrati o dei cerchi. Con questa quantità di pasta io ho ottenuto 32 cerchi. La sfoglia l'ho tirata molto sottile, quasi trasparente: infatti questo impasto si lavora bene ed è molto resistente alle trazioni!

Ho posto un cucchiaino di ripieno al centro di ogni cerchio che ho chiuso a metà bagnando il bordo con poca acqua. Per timore che si aprissero io ho usato i rebbi di una forchetta, ma non è il metodo tradizionale per chiuderli, basta la pressione delle dita. I miei in effetti sembrano più dei ravioli romagnoli in attesa di un bel ragù, ma vabbè! Eccoli prima della cottura:



Dopo questa lunga operazione per ottenere sì tanti ravioli, è bastato metterli nell'apposito contenitore per la cottura al vapore, badando bene di mettere sul cestello delle foglie di insalata o di verza: senza queste foglie i ravioli attaccherebbero sul fondo rompendosi inesorabilmente! Per la cottura sono sufficienti 10-15 minuti.


Io ho la macchina per la cottura al vapore, ma forse sarebbe più affascinante usare quei bei cestini di bambù! Anche in questo caso è indispensabile la foglia di verdura sul fondo.

15 commenti:

unika ha detto...

una vera delizia questi ravioli...complimenti...buon lunedi
Annamaria
http://ipiaceridellavita.myblog.it

Lilith ha detto...

anche a me piacciono molto i ravioli al vapore, non mancano mai nell'ordinazione al ristorante cinese anche se a dir la verità i miei preferiti rimangono sempre gli involtini primavera, l'idea di farli da sola è molto buona..... complimenti e buona settimana....

graziella ha detto...

Alla griglia o al vapore ne farei una scorpacciata ogni volta che entro in un ristorante cinese!
I tuoi sembranio davvero quelli "originali" ! Bravissima!

Mikamarlez ha detto...

quanto mi piacciono...anch'io non vado da tanto al cinese (al risotrante, in generale) e i ravioli mi mancano..anche quelli verdura..devo provare.buona notte.lety

( ^^)/ ha detto...

Ciao Annamaria, è da un po' che non passavo dalle tue parti e con dispiacere ho appreso del tuo recente intervento. Ti mando un bacione e un abbraccio forte.

0_0Tina

( ^^)/ ha detto...

@Lilith: certo anche a me piacciono molto gli involtini primavera, ma in casa friggo malvolentieri, quindi non credo mi cimenterò a riguardo! Ricordo un episodio buffissimo che risale al primo anno di università: nell'appartamento di un amico per una festa abbiamo fritto delle sottospecie di involtini primavera, seguendo la ricetta di un libro di cucina cinese davvero poco affidabile. Solo 1 persona ebbe il coraggio di assaggiarli... Che stomaco doveva avere!
^____^

0_0Tina

( ^^)/ ha detto...

@Graziella: ne ho fatti talmente tanti che questa volta mi sono davvero tolta la voglia! Sarò a posto per qualche anno...

Ciao Lety, se nn hai voglia di andare al cinese, ma ti mancano fai come me, prova a farteli da sola! Sono certa che sia più sano e divertente!

0_0Tina

CuocaPrecaria ha detto...

Anche per me i ravioli al vapore sono l'antipasto preferito al ristorante cinese!
Solo che sono una pigracciona e non mi va di prepararmi la sfoglia... se uso la pasta fillo che si compra nei supermercati cinesi va bene lo stesso?!?
Dai, dimmi di si!

( ^^)/ ha detto...

Io credo proprio di sì!
Guarda qui da Max

http://lapiccolacasa.blogspot.com/2007/09/la-ricetta-dei-ravioli-di-gambero-al.html

Se li farai, pigrona, poi facci sapere!

0_0Tina

CuocaPrecaria ha detto...

Menomale che qualcuno pensa anche a noi pigrone!
Allora proverò, appena esco dal tunnel della dieta bikini!

( ^^)/ ha detto...

Io in questo tunnel ci sono da sempre, ma vedendo i tuoi maki credo che presto ne riemergerò per vedere un po' la luce, poi si vedrà!

0_0Tina

CuocaPrecaria ha detto...

Bene! Allora fammi sapere se ti sono piaciuti!
E poi comunque i maki, anche col cous cous, sono a tutti gli effetti un piatto light... Non buttiamoci giù!

Anonimo ha detto...

Ciao,

ma la macchina per cuocere il vapore che hai usato per i ravioli per caso è il cuociriso della Lidl col cestello per la cottura al vapore? Se sì, ce l'ho pure io! :)

Grazie,
Roberto.

( ^^)/ ha detto...

Sì Roberto, è proprio quella!
Io sono stra-felice dell'acquisto che ho fatto. La uso tantissimo nei modi più disparati!! ^___^
Ti ringrazio della visita!

Ciao, Tina

Anonimo ha detto...

Anch'io sono molto felice, cuocio il riso sempre con quella! L'unica cosa che ho notato, almeno a me il riso a contatto col fondo della pentola tende a fare una "pellicina", non so se è amido o se perché ci metto poca o troppa acqua, boh?
In ogni caso, continuerò a leggerti, le tue ricette sembrano molto interessanti! :)

Blog Widget by LinkWithin